Come funziona l’algoritmo di Google e cosa devi sapere

Francesco Noli

Francesco Noli

Founder Adsvanced Performance Agency - Advertising Expert

Leggi l’articolo

Come funziona l’algoritmo di Google e cosa devi sapere

In questo articolo vedremo cos’è l’Ad Rank, come funziona, come sfruttarlo per diventare il primo risultato. Scopriremo i due componenti dell’algoritmo e come gestire il Quality Score.

Google Ads è un’asta.

E’ importante capire che Google Ads funziona ad asta. Ci saranno infatti tantissime aziende che vorranno comparire come primo risultato quando qualcuno cerca le parole chiave inerenti al proprio business.

Chi vince l’asta verrà visualizzato come primo risultato negli annunci di ricerca.

Con le aste, Google ti garantisce la possibilità di poter competere anche con le grandi aziende.

AdRank

Non si tratta di un’asta normale, infatti non vince sempre chi offre di più ma vince chi ha l’AdRank migliore.

I due fattori decisivi che determinano l’AdRank sono:

  • CPC max
  • Quality Score

Il CPC max è il costo per click massimo, ovvero la tua offerta all’asta. Quanto sei disposto a spendere per un click di un utente? Insomma, dipende dalla tua strategia di offerta, dal budget e dall’offerta massima. Questo fattore, però, non è del tutto decisivo.

Il QS è un punteggio da 1 a 10 che valuta la qualità dei tuoi annunci (o meglio la qualità dei tuoi annunci in base alle tue kw).

Questo perchè Google vuole che le persone continuino ad utilizzare Google, incentivando gli account a creare annunci ben fatti, in linea con le ricerca degli utenti e quindi non vadano a disturbare l’esperienza dell’utente.

La formula dell’AdRank

Come si determina lAdRank? Chi lo avrà più alto vincerà l’asta, quindi vediamo come si calcola.

AdRank = CPC max * QS (costo per click massimo * Quality Score)

Facciamo un esempio:

Tu sei un fisioterapista di Roma e sei disposto ad offrire massimo 3€ per click (CPC MAX= 3€) ed hai un QS di 8 portandoti ad avere un AdRank pari a 24. Il tuo diretto concorrente ha inserito 4€ per click (CPC MAX= 4€) ma ha un QS di 4 portandolo ad avere un AdRank di 16. In questo caso, anche se il tuo CPC è nettamente inferiore al suo, tu avrai la meglio sul tuo concorrente, risultando come primo nell’annuncio di ricerca.

Costo per click effettivo

Il costo per click effettivo è il costo che pagherai realmente per ogni click e non il CPC max. La formula per calcolarlo è:

CPC effettivo = (AdRankCompetitor / QS) + 0,01€

Proviamo a calcolare il CPC effettivo con l’esempio precedente.

Tu hai un CPC max di 3€ con un QS di 8 ed un AdRank totale di 24. Il CPC max del tuo concorrente è 4€ con un QS di 4 ed un AdRank di 16.

Il tuo CPC effettivo è 2,01€, ovvero 16/8 (AdRank Competitor / il tuo QS) + 0,01€. Quello del tuo concorrente, avendo un QS più basso, avrà sicuramente un CPC effettivo più alto del tuo.

Perchè il QS è importante

Avere un QS alto ti permette di vincere più aste e di avere più impression. Più impression significa più click. Più click significa più conversioni.

Inoltre, maggiore è il tuo QS, minore è il CPC effettivo. Quindi hai più click a parità di budget e, di conseguenza, più conversioni.

Maggiore è il QS, maggiore è il tuo AdRank. Quindi comparirai in posizioni migliori negli annunci di ricerca. Avrai dunque un maggior CTR (Click Through Rate = % di persone che cliccano), quindi più conversioni.

Insomma, più il tuo QS è alto, più avrai conversioni.

Il QS non valuta la qualità dell’annuncio, ma valuta la qualità dell’annuncio in relazione alle parole chiave.

Ogni keyword avrà un suo QS. Uno stesso annuncio potrebbe avere un QS alto rispetto ad una certa kw e un QS basso rispetto ad un’altra.

Questo accade perchè la pertinenza tra l’annuncio e kw è uno degli elementi più importanti per il QS.

Come valutare il Quality Score

Il Qs è definibile buono quando è sopra il 6.

Se per certe keyword il tuo Quality Score è inferiore a 6 valuta di fare degli aggiustamenti. Potresti escludere la kw, modificare l’annuncio, creare un nuovo annuncio ad hoc, etc.

Come vedere il Quality Score

Scegli una campagna dal tuo account Google Ads e vai nella tab “Parole chiave” e successivamente nella tab “parole chiave per la rete di ricerca”. Vedrai tutti i dati per le keyword che hai scelto, in particolare il “Punteggio di qualità”, ovvero il Quality Score.

Se non sarà visibile clicca in alto a destra il pulsante “modifica colonne” ed aggiungi la colonna “Punteggio di qualità”.

Da cosa dipende il QS?

Il primo fattore da cui dipende il Quality Score è lo storico del tuo account. Più i tuoi annunci sono stati pertinenti nel tempo con le keyword ricercate dagli utenti, migliore sarà il tuo Quality Score.

Il secondo fattore è il CTR, ossia la percentuale di utenti che clicca sull’annuncio.

Alcuni tips per migliorare il CTR:

  • Rendi l’annuncio pertinenti alle keyword
  • Incuriosisci gli utenti
  • Inserisci una CTA

Alcuni consigli per migliorare la pertinenza:

  • Rendi l’annuncio simile alle query
  • Inserisci la keyword principale nel titolo
  • Crea annunci diversi per keyword diverse

L’ultimo elemento che impatta sul Quality Score è l’esperienza sul sito.

E’ importante che gli utenti, una volta che cliccano sul tuo annuncio, atterrino su un sito la cui esperienza è piacevole.

Per valutare l’esperienza sul sito viene considerata sia la pertinenza del sito che l’esperienza degli utenti (bounce rate, etc.). Il sito ha un impatto DOPPIO: sia sul Quality Score che sul Conversion Rate.

Alcuni consigli per migliorare l’esperienza:

  • Inserisci le keyword nel sito
  • Rendi il sito pertinente a query e annuncio
  • Velocizza il sito
  • Usa https
  • Rendi il sito mobile friendly
  • Usa landing page
  • Inserisci sul sito CTA, recensioni, elenco di vantaggi.

Tutti
Facebook Ads
Google Ads
TikTok Ads
Uncategorized
Meta
Lanciamo la nostra prima campagna su Facebook Ads insieme
Da cosa è composta una campagna Una campagna è composta da tre componenti principali: Obiettivi...
Leggi articolo
TikTok
5 aspetti fondamentali per TikTok Ads
Per fare advertising su TikTok ci sono alcuni must che è necessario seguire. Te li racconto in questo...
Leggi articolo
Meta
Black Friday: cosa performerà di più su Facebook Ads
Ogni volta che ci si avvicina ad un evento importante come il BF e CM, sarebbe ottimale tenere traccia...
Leggi articolo
Google
Come funziona l'algoritmo di Google e cosa devi sapere
In questo articolo vedremo cos’è l’Ad Rank, come funziona, come sfruttarlo per diventare il primo risultato....
Leggi articolo
Meta
Come scegliere tra CBO vs ABO su Facebook Ads
Negli articoli precedenti abbiamo visto come è strutturata una campagna e i suoi livelli: Campagna,...
Leggi articolo
Meta
Struttura delle campagne: La Structure For Scale di Facebook
Abbiamo visto insieme che per fare advertising è necessario strutturare un Funnel di vendita, ovvero...
Leggi articolo

Conosciamoci!

Prenota una chiamata gratuita e scopri come possiamo scalare il tuo business insieme.